Dott. Giuseppe Marino - specialista in ricorsi tributari - www.studiomarino.com     Copyright©Riproduzione riservata

  081/5706339         081/0060351           Consulenza Gratuita    (solo per e-mail o via fax)    3358378028                                

Orari d'ufficio 9.30-12.30 e 15.30 - 18.30     La consulenza gratuita e' ammessa via e-mail o via fax ,viene fornita a campione non e' garantita la risposta a tutti.

             

EFFETTUIAMO RICORSI IN TUTTA ITALIA - VISITA IL NUOVO SITO WWW.DIFESATRIBUTARIA.IT  RICCO DI SENTENZE AGGIORNATE FAVOREVOLI AL CONTRIBUENTE

Camera di Commercio - Il Diritto Camerale
Ultimo aggiornamento 30/11/2014
SPECIALISTA I RICORSI AVVERSO AVVISID DI ACCERTAMENTO, CARTELLE, INTIMAZIONI, IPOECHE E FERMI AMMINISTRATIVI

Per un parere via fax compilare il modulo e allegare copia dell'accertamento  e inviarlo allo 081/0060351

Cartelle Esattoriali Fermo amministrat. Ipoteca Esattoria Vizi atti tributari Atti Impugnabili

EFFETTUIAMO RICORSI IN TUTTA ITALIA

 

Il Diritto Camerale

Il Diritto camerale costituisce un ulteriore tassa occulta a carico dei contribuenti italiani, se fosse un corrispettivo per un servizio (ossia la tenuta del registro delle imprese) non si dovrebbe pagare in modo cosi  diversificato e per le società di capitali in misura percentuale.

Quindi cosa cambia per la Camera di Commercio tenere il registro per una snc e per una srl con un capitale alto? ed ecco che spunta la tassa occulta e il contrasto con la direttiva europea.

I diritti camerali istituiti dall'art. 18, comma 3, della L. n. 580 del 1993 a carico delle imprese iscritte nei registri delle Camere di commercio sono incompatibili con la Direttiva CEE n. 69/335. Infatti, il diritto camerale italiano non può essere assimilato a quello olandese (che la Corte di Giustizia ha ritenuto compatibile) per diverse ragioni: a) perché in Olanda il tributo è pagato da tutte le imprese nella stessa misura, senza alcuna distinzione legata alla veste giuridica adottata dal soggetto; b) perché in Olanda il diritto non è pagato dalle imprese inattive; c) perché, in caso di trasformazione dell'ente titolare dell'impresa, in Olanda il diritto non deve essere nuovamente corrisposto; d) e soprattutto perché il diritto camerale assume la veste di tributo indiretto vietato dall'art. 10, lettera c), della Direttiva CEE n. 69/335 in quanto discrimina la libertà di insediamento. Il diritto camerale non può essere ricondotto fra le ipotesi derogatorie previste dall'art. 12, lettera e), della medesima Direttiva n. 69/335/CEE che considera ammissibili i corrispettivi o diritti di natura remunerativa del costo del servizio prestato. Infatti, le entrate derivanti dai diritti camerali sono finalizzate al finanziamento di una serie variegata di attività individuate dall'art. 2 della stessa L. n. 580/1993. Comm. trib. prov. di Foggia, Sez. IX -Sent. n. 142 del 30 aprile 2004 (dep. 21 maggio 2004) Pres. Danza, Rel. Di Stasio

Attenzione: tutte le pratiche camerali (inizio, cessazioni e variazioni) vanno fatte esclusivamente per via telematica

Obbligo di un avviso di pagamento

La camera di Commercio non può iscrivere direttamente a ruolo, ma deve inviare un avviso di pagamento in ossequio al diritto al contraddittorio europeo.

PRESCRIZIONE DEL TRIBUTO:

Il diritto camerale annue, può essere recuperato dalle Camere di Commercio, a penda di decadenza entro 10 anni prescrizione decennale ordinaria ex art. 2946 del codice civile., considerato, che non esiste nessuna norma, che preveda un termine di decadenza.

PRESCRIZIONE DELLA SANZIONE

Il diritto alla riscossione della sanzione irrogata si prescrive nel termine di cinque anni art 20 D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, normativa applicabile dal 29/12/2002 come previsto dall'art 44 della legge 12 dicembre 2002, n. 273 Gazz. Uff. n. 293 del 14 dicembre 2002. Per i periodi precedenti si applica l'art.28 della Legge 689/81, che pure stabilisce Il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni indicate dalla presente legge si prescrive nel termine di 5 anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione.

Diritti 2014

Sezione speciale

Tipologia impresa Importo in misura fissa in Euro
Soggetti iscritti al Repertorio Economico Amministrativo 30,00
Imprese individuali

88,00

Imprese con ragione di società semplice agricola

100,00

Imprese con ragione di società semplice non agricola

200,00

Società tra Avvocati ( decreto LGS.96/2001)

200,00

 

SEZIONE ORDINARIA

Le imprese individuali iscritte o annotate nella sezione Ordinaria del Registro delle Imprese  versano per la sede un diritto fisso pari a Euro 200,00 e Euro 40,00 per ciascuna unità locale.

Tutte le altre imprese che al primo gennaio 2014 erano già iscritte nella sezione ordinaria  del Registro delle Imprese, versano un diritto annuale che dovrà essere determinato applicando - al fatturato realizzato dall'impresa nell'esercizio 2013 - le misure fisse e le aliquote per scaglioni di fatturato, riportate nella tabella sottostante:

Scaglioni di fatturato da Euro Scaglioni di fatturato a Euro Misura fissa e aliquote
0 100.000,00 euro 200,00
oltre 100.000,00 250.000,00 0,015%
oltre 250.000,00 500.000,00 0,013%
oltre 500.000,00 1.000.000,00 0,010%
oltre 1.000.000,00 10.000.000,00 0,009%
oltre 10.000.000,00 35.000.000,00 0,005%
oltre 35.000.000,00 50.000.000,00 0,003%
oltre 50.000.000,00   0,001% fino ad un massimo di euro 40.000,00

UNITA' LOCALI

Le imprese versano per ciascuna delle proprie unità locali - già iscritte all'01/01/2014, in favore della Camera di Commercio nel cui territorio ha sede l'unità locale - un importo pari al 20% del diritto dovuto per la sede principale, fino ad un massimo di euro 200,00 per ognuna di esse, ad eccezione dei soggetti iscritti solo al REA che pagano un diritto fisso di € 30,00 qualunque sia il numero di unità locali denunciate.

IL PAGAMENTO DEI DIRITTI ANNUALI AVVIENE ESCLUSIVAMENTE TRAMITE MODELLO F24 CODICE TRIBUTO 3850

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO F24 Nell’intestazione del modello F24, oltre agli altri dati dell’impresa, deve essere riportato il codice fiscale, e non la partita IVA, qualora diversa. Nella sezione ICI ED ALTRI TRIBUTI LOCALI del modello F24 devono essere indicati i seguenti dati:

Sezione ICI ed altri tributi locali

Codice ente/codice comune NA

Codice tributo 3850

Anno di riferimento es. 2008

Importi a debito versati indicare l’importo da pagare

con il Ravvedimento

3851 – denominato Interessi per omesso o tardivo versamento del diritto camerale annuale

3852 – denominato Sanzioni per omesso o tardivo versamento del diritto camerale annuale

PAGAMENTO DELLA SANZIONE PER I DEPOSITI DEGLI ATTI INVECE AVVIENE TRAMITE MODELLO F23 LA SANZIONE AMMONTA A 21 EURO (40.000 LIRE)

DATI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO:

Cod. Ufficio: (cciaa di competenza)  - Causale: PA - Cod. Tributo: 741T

30 Giugno 2003: Firma digitale Presentazione per via telematica delle domande di iscrizione e di modifica al Registro delle Imprese.

Ravvedimento Operoso

Con Circolare n. 3567/2003 la Direzione generale del Ministero delle Attività Produttive ha precisato, in ciò confortata da un parere espresso dall'Ufficio legislativo, che il contribuente tenuto al versamento del diritto annuale può avvalersi dei benefici di cui all'art. 13 del Decreto Legislativo 18/12/1997, n. 472, applicando le misure della sanzione ridotta nel caso in cui il pagamento del diritto annuale avvenga entra trenta giorni (un ottavo della sanzione minima) o entro un anno (un quinto della sanzione minima) dall'omissione del versamento.

Alla sanzione occorre, altresì, aggiungere gli interessi moratori , commisurandoli al tributo camerale non versato, al tasso legale annuo, con maturazione giornaliera dal giorno di scadenza al giorno in cui viene eseguito. A decorrere dal 01/01/2004 il tasso legale è pari al 2,5% annuo (D.M. 01/12/2003, pubblicato sulla G.U. n. 286 del 10/12/2003). L'importo degli interessi si determina come di seguito indicato:

interessi moratori = ammontare diritto annuale x tasso legale annuo x numero di giorni / 36.500

A differenza del pagamento del diritto annuale, però, il pagamento della sanzione (codice 3852) e quello degli interessi moratori (codice 3851) non sono compensabili con eventuali crediti vantati per altri versamenti e devono essere eseguiti contestualmente alla regolarizzazione del diritto annuale (codice 3850).

 

Per il diritto annuale 2003 occorre distinguere fra imprese già iscritte al 1° gennaio 2003 e quelle iscritte in corso d'anno. Per queste ultime il problema non sussiste in quanto il pagamento del diritto annuale è stato certamente effettuato al momento dell'iscrizione. Per le imprese già iscritte, invece, la prassi fiscale considera come data di scadenza, ai fini del ravvedimento, quella entro cui è possibile effettuare il versamento con la maggiorazione dello 0,40%. Normalmente questa data coincide con il 20 luglio . Per l'anno in argomento, invece, tale data è stata differita al 31/10/2003 , come statuito dal D.L. n. 143 del 24/06/2003 e dalla Circolare n. 3565/2003 del Ministero delle attività Produttive.

Pertanto, se la regolarizzazione avviene entro 30 gg. dalla scadenza del 31/10/2003, ossia dal 1° al 30 novembre 2003 , è possibile l'applicazione del ravvedimento operoso effettuando con il mod. F24 i seguenti versamenti:

• tributo 3850 – diritto annuale maggiorato dello 0,40%,

• tributo 3852 - sanzione ridotta pari a un ottavo del minimo (si identifica il minimo con il 10%)

• tributo 3851 - interessi moratori (ammontare diritto annuale x tasso legale annuo x numero di giorni / 36.500)

Per regolarizzazioni successive, invece, ossia dal 1° dicembre 2003 al 31 ottobre 2004 , è possibile l'applicazione del ravvedimento operoso effettuando con il mod. F24 i seguenti versamenti:

• tributo 3850 – diritto annuale maggiorato dello 0,40%,

• tributo 3852 - sanzione ridotta pari a un quinto del minimo (si identifica il minimo con il 10%)

• tributo 3851 - interessi moratori (ammontare diritto annuale x tasso legale annuo x numero di giorni / 36.500)

 

il portale delle camere di commercio italiane

Ricerca Imprese

Firma digitale

 

Copyright©Riproduzione riservata